Posterstore: stampe d'arredo. Come disporle sulla parete della propria casa?


Disporre bene le cornici è un’arte che unisce gusto, senso delle proporzioni e sensibilità per i colori. Oggi cercherò di darvi qualche consiglio in merito a questa antica arte e qualche suggerimento per trovare le stampe e le cornici più adatte al caso vostro. 

Cominciamo proprio da qui: Cerchi la stampa d'arredo giusta per la tua casa? La troverai su  POSTER STORE, un portale che ha come missione quella di portare a casa tua stampe d'arredo e cornici prêt-à-porter, a prezzi accessibili a tutti; il payoff di Poster Sore è infatti: Inspired, Affordable!! 
Su Poster Store troverete tantissimi poster in stile scandinavo... e non è un caso! POSTER STORE SVERIGE AB infatti è un'azienda svedese e la maggior parte della sua produzione avviene a Stoccolma, in una delle migliori cartiere della Svezia. Tutti i poster sono stampati su carta premium resistente all'invecchiamento, da 240 gr/mq con finitura opaca. Lo spessore della carta rende le stampe più resistenti e permette di appenderle anche senza cornici, tanto che sono presenti anche soluzioni di incorniciatura, realizzate solo con listelli di legno naturale e cordone. Ho avuto l'opportunità di scegliere alcuni soggetti e cornici, consultando tra le altre, anche la pagina delle ispirazioni in cui è possibile vedere diverse combinazioni di soggetti, traendo spunti e suggerimenti cromatici. Molto molto utile ed interessante!

Le cornici tra cui scegliere sono moltissime, ce ne sono davvero per tutti i gusti! La superficie trasparente che protegge la stampa è in plaxiglass e la chiusura della cornice è molto semplice grazie a dei comodi gancetti che si incastrano in una scanalatura posta nello spessore della cornice... molto semplici da adoperare se paragonati a quei fastidiosi dentini che spesso si trovano sul retro delle cornici preconfezionate. Utilizzerò le splendide stampe e cornici di POSTER STORE per mostrarvi innanzitutto qualche schema di distribuzione delle cornici su una parete.


Vediamo alcuni schemi

Modern gallery

Se si vogliono mettere più quadri di uguali dimensioni uno dopo l’altro, questi devono essere messi in fila, tenendo come punto di riferimento il lato inferiore della cornice. Questa modalità altrimenti detta “Modern gallery” accentua il senso di profondità dell’ambiente e stesso tempo riduce la percezione d'altezza del soffitto. E' una soluzione molto adatta ad un corridoio o ad un "ambiente in stile atelier". Questo distribuzione dei quadri può essere ulteriormente valorizzata dalla presenza di un'illuminazione dedicata. >>>> Nota per i più pigri: Soprattutto se i quadri sono molto grandi. può risultare molto interessante appoggiarli sul pavimento, disponendoli ordinatamente, esattamente come in una mostra o in un atelier informale <<<<

Layout unito 

È uno schema essenziale e raffinato, ideale se avete quadri, foto o stampe dal soggetto simile e cornici diverse tra loro e piuttosto esili e poco vistose. Questo schema consiste, essenzialmente, nell'avvicinare le cornici le une alle altre, creando forme nuove, nuvole, più o meno grandi ed elaborate a seconda dei "tasselli" che le compongono. L'effetto originale è garantito. >>>> Nota per chi soffre di quella mania di raddrizzare le cornici quando sono un po' storte: salvo che non si spostino tutte insieme o che le abbiate attaccate storte al muro, questa soluzione risolve una volta per tutte il problema delle cornici storte ;) <<<<<

Allineamento all'esterno 

Consiste nel creare una sorta di "cornice" immaginaria entro la quale devono rientrare tutte le cornici, andando cioè ad adoperarle come il un collage, per ricostruire la forma immaginata. E' una disposizione molto efficace sopra un divano o sopra un letto. >>>> Nota ha accumulato nel tempo tanti quadretti e foto anche con cornici molto diverse fra loro: questa disposizione a al caso vostro ;) <<<<<

Allineamento in alto o in basso

Siete maniaci dell'ordine e del rigore? La disposizione allineata in alto o in basso o su entrambi i fili allora fa al caso vostro. Attenzione solo all'altezza dell'intera composizione, per evitare che i quadri alti risultino sempre piacevolmente fruibili. >>>> Nota per chi soffre di quella mania di appendere titoli e diplomi: avete trovato la disposizione che farà contenta la vostra mamma ;) <<<<<

Le regole di base per appendere i quadri

Ma da dove cominciare per appendere i quadri? Innanzitutto mi raccomando non fatelo mai alla cieca! Prima di appendere qualunque cosa è opportuno avere una idea della composizione che s’intende realizzare. Tentare di abbinare e di appendere i quadri fidandosi solo del proprio istinto, incrociando le dita sul risultato finale, rischia solo di regalarvi muri pieni di inutili buchi. Il primo consiglio è quello di sperimentare sempre lo schema della composizione prima di prendere in mano chiodi e martello. Potete procedere disegnando la parete, i mobili e la composizione dei quadri su un foglio di carta, per valutare l’effetto finale oppure collocare le cornici sul pavimento e osservarle dall'alto, magari salendo su una scala (o una sedia :)) per avere un punto di osservazione diverso da quello frontale.

Un quadro è lì per farsi guardare, se no serve a poco: per questo si deve appendere all'altezza degli occhi. Per facilitare i calcoli, se i quadri sono allineati nella parte inferiore, quest’ultima deve distare circa 120 cm da terra. Questa è una regola che ovviamente viene meno man mano che le dimensioni del quadro aumentano, in quel caso vi regolerete in funzione della mezzeria del quadro.
La disposizione dei quadri alla pareti cambia anche a seconda dell’ambiente di destinazione, per cui si adotteranno schemi diversi per la scala, il corridoio, la camera da letto, la cucina, e così via.

Tutto chiaro? :)

#posterstore #cornici #poster #stampe #adv




Post più popolari